P.T.T.

Area dedicatata alla RECON

P.T.T.

Messaggiodi AnnaMaria Franzoni » 25/06/2014, 17:38

P ROCEDURE
T ECNICO
T ATTICHE
Immagine
Mattia "AnnaMariaFranzoni" o "AMF"
www.lupideldeltaperugia.it
Avatar utente
AnnaMaria Franzoni
TENENTE
TENENTE
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 16/08/2007, 15:25

Re: P.T.T.

Messaggiodi AnnaMaria Franzoni » 25/06/2014, 20:05

LA MIMETICA / ABBIGLIAMENTO

data la particolare circostanza cioè il gioco è inutile soffermarsi su dettagli come l'escape kit cucito all'interno della mimetica in vari punti (estremamente superfluo ed inutile) ma l'importante è che sia sterilizzata ovvero niente stellette sui bordi del colletto ne nessun'altra cosa che riconduca ad un esercito regolare di qualunque nazione.

NB:
-la giacca della mimetica va inserita dentro i pantaloni sia per comodità sia perchè diventa una comoda tasca per inserire i caricatori vuoti a seguito del cambio caricatore o altro materiale da arraffare al volo in caso di fuga...serve anche per non favorire l'entrata di insetti dal basso
-consiglio di tenere i primi 2 bottoni sempre slacciati

la cinta che è obbligatoria deve essere quanto più sottile possibile per favorire la sovrapposizione di un cinturone. evitate di agganciare direttamente alla cinta principale qualunque dotazione cosciale perchè a lungo andare lo spessore degli agganci premuti a forza contro i fianchi provocano abrasioni e rigonfiamenti che danno la stessa senzazione di un livido
qualità prezzo queste sono le migliori, unica cosa: prendetele di cordura e non di nylon prezzo dai 5€ ai 7/8€
Immagine

intimo:
-come mutande usare o un paio di pantaloncini tecnici tipo i cosiddetti "ciclisti" o un costume da bagno

consiglio x gli acquisti...efficace,economico. l'intimo della nike della linea "pro-combat" nato per i giocatori di rugby risulta essere alla altezza del compito per resistenza,traspirazione,comodità. OTTIMO SIA D'ESTATE CHE D'INVERNO prezzo: tra i 18€ e i 20€
Immagine

-come calze è necessario non fare economia data l'importanza del piede ma è cosa buona e giusta non farsi fregare da modelli spaziali. una buon compromesso è che la spesa parta da 20€ e non superi i 30€ al paio. alla decathlon ci sono vari modelli da trekking ottimi. questo modello costa 25€
Immagine

NB:
-evitare di indossare le sole calze di spugna perchè quando si fradiciano di sudore o si bagnano iniziano a piegarsi su se stesse e sfregando contro il piede producono innumerevoli vesciche
-evitare il "doppio calzino con combinazione cotone/lana perchè è l'effetto del cotone è peggiore della spugna con la variante che arriva leggermente piu in ritardo grazie all'imbottitura della lana

T-SHIRT

la t-shirt deve essere tecnica d'estate e termica l'inverno,data la composizione della fibra questa non può che essere attillata. quando deciderete il modello cercate sempre la taglia in più perchè se la prendete giusta và a finire che si sta continuamente a rimettersela dentro i pantaloni e con il peso dell'equipaggiamento può arrivare a produrre delle abrasioni o piaghe che fanno diventare pazzi,specialmente sulla schiena dove poggia il basto dello zaino.

consiglio (qualità prezzo imbattibili) per l'inverno: la SOD SKIN 35€
Immagine
per l'estate consiglio la t-shirt tecnica dell under armour al prezzo di 22€ colore OD
Immagine

NB:
-cosa devo considerare nell'acquisto? che la maglia invernale butti fuori il sudore e che mi mantenga asciutto e con costante temperatura corporea quando mi fermo dopo un'intensa attività...in altre parole che eviti l'effetto delle cosiddette "ariate che bloccano la schiena"
-la maglia estiva deve essere traspirante il più possibile
-entrambi i tipi di maglie devono asciugarsi in pochissimo tempo

calzature

per quanto riguarda gli stivaletti o scarpe da trekking la scelta è infinita. considerare sempre il terreno in cui si opera e la stagione sono i primi fattori di cui tenere conto. l'unica cosa che posso consigliare è che siano sempre di altezza media e che abbiano l'antishock per il malleolo,infine come lacci ,utilizzate paracord abbondante ,almeno 3 metri a stivaletto per una questione di resistenza all'usura e perchè rappresenta una risorsa in caso di emergenza.
posto l'esempio di quelli che ho io,i BURIAN della cosmas,costano molto ma è anche vero che usandoli ogni giorno da 3 anni non si sono scalfiti.di sicuro non conviene spendere oltre 250€ guardate però l'antishock
Immagine

CONSIGLI:

-durante il movimento sia d'estate che d'inverno consiglio di muovere con il materiale che ho elencato senza PILE, maglioni o giacche. psicologicamente è dura solo per i primi 5 minuti,poi però vi accorgerete di aver fatto la scelta giusta. in caso di pioggia a maggior ragione il discorso non cambia. anche perchè se bagnate parte dei ricambi o il vostro unico capo termico in goretex quando sarà il momento di recuperare le capacità operative e quindi stare caldi e asciutti non lo potrete fare nel modo corretto.

-ovviamente dato che non siamo tutti uguali ogni cosa che dico la rapporto su me stesso ma se qualcuno gioca bene a luglio col maglione di lana non c'è problema
Immagine
Mattia "AnnaMariaFranzoni" o "AMF"
www.lupideldeltaperugia.it
Avatar utente
AnnaMaria Franzoni
TENENTE
TENENTE
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 16/08/2007, 15:25

Re: P.T.T.

Messaggiodi AnnaMaria Franzoni » 25/06/2014, 22:05

ACCESSORI

-OVVIAMENTE OCCHIALI

-"LA COLLANA FUNZIONALE" come la chiamiamo nell'ambiente è un gadget che ci si può costruire da soli,i materiali che servono sono
-1 accendino tipo bic piccolo (impermeabilizzato con un pezzetto di bustina cuki o un dito di guanto di lattice)
-1 bussola
-1 fischietto
-1 piccola torcia schermata
-uno spezzone di paracord
gli utilizzi della collana funzionale sono molteplici ed una volta che si fa non se ne può più fare a meno. questa è la mia,la lunghezza del paracord è fin sotto l'ombelico,questo perchè una volta indossata la inserisco dentro la tasca superiore dx della mimetica
Immagine

da notare la schermatura della torcia fatta con un pezzetto di nastro telato ,poi bucato con la punta di una forbice ed un pezzo di gomma (era la membrana che protegge il tubo della camelback) per insonorizzarla,altrimenti avrebbe sbattuto contro il fischietto producendo continuamente rumore tic tic tic
Immagine

cappellino

consiglio il jungle sempre comunque e dovunque per un discorso di "rottura delle forme" è piu leggero e stringe meno in fronte rispetto al classico "cappellino da baseball" .la protezione dai raggi dai raggi del sole è migliore ed in caso di pioggia limita l'entrata d'acqua dal collo. in più se ci si mettono alcuni elastici vincolati alle asole "a bocca di lupo" essi diventano uno strumento valido per inserire vegetazione e creare un mimetismo di circostanza molto valido
Immagine

fermo restando che l'ideale è indossare il jungle anche d'inverno se si ha la necessità di un copricapo piu pesante consiglio di optare per una cuffia in lana al 100% VERDE ,questo perchè la lana anche se bagnata trattiene il calore ma a differenza del pile non fa gelare l'acqua e non si raffredda se indossata. EVITATE copricapi di pile o sintetici.
Immagine
il prezzo di una cuffia 100% è sui 10€ la marca non importa.

NB
-l'ideale è indossare il jungle e tenere la cuffia nella tasca cosciale dei pantaloni pronti per il cambio in caso di sosta o di riposo

GUANTI
parliamo di guanti tattici. anche qui come per le calzature ce ne sono infiniti tipi io vi consiglio di prenderli Lunghi e di un materiale che abbia un buon compromesso tra sensibilità e resistenza...quelli in nomex classici us-army oltre a trovarsi a 2 soldi ovunque sono ottimi.
Immagine

NB: Attenzione alle migliaia di imitazioni. prendete quelli us-army usati
- i guanti lunghi possono essere utilizzati anche come copri orologio,per evitare i riflessi o danneggiamenti

OROLOGIO

-OGNUNO HA IL SUO
l'unico consiglio che posso dare è: io ho avuto il suunto vector per 8 anni...economico,facile da usare,resistentissimo ma si starava in continuazione. sono passato ad uno dei PROTREK versione media che costa uguale,forse poco meno...tutta un altra cosa. i giapponesi non si battono
Immagine

NB: l'ideale sarebbe un orologio sia digitale che analogico per una questione di metodi di orientamento con le lancette ma non ci riguarda.lo dico giusto per conoscenza

-braccialetto paracord
Immagine
puo avere 1000 utilizzi, se andate su youtube ci sono dei video che mostrano come farlo senza spendere soldi per compererlo. senno siamo sui 5€
http://www.youtube.com/watch?v=UKSGg2IuCLI

-bussola da orologio (molto utile anche per orientare la carta in modo speditivo)
Immagine

-coltellino:
non occorre un coltello da "rambo" o che costi molto.l'importante è che sia scuro,con l'astina di aggancio tipo una penna bic e piccolo,lama di circa 4 dita...un buon compromesso si aggira sui 30€

NB consiglio di vincolare il coltellino con uno spezzone di funicella.ad una estremità il coltellino e dall'altra un piccolo moschettone scuro che andrà agganciato ad un passante dei pantaloni
-va benissimo anche il classico coltellino svizzero,il victorinox.
Immagine

Immagine

QUELLO CHE HO APPENA ELENCATO E' L'EQUIPAGGIAMENTO DI BASE,VEDIAMO QUALCHE AGGIUNTA:

se nella tasca destra cosciale ho il cappellino di lana,in quella sx posso portare un porta block notes con qualche vetrografico,penna,matita con gomma da cancellare incorporata,coordinatometro e tutti i piccoli optional che ritengo opportuni.
NB. VA MESSO DENTRO UN SACCHETTO CUKI, FISSATO CON UN ELASTICO ED IMPERMEABILIZZATO,NONCHE' VINCOLATO CON LA FUNICELLA NELLO STESSO MODO DEL COLTELLINO. (il fatto di stagnare il materiale è un concetto fondamentale e data la particolare ubicazione dell'oggetto servirà non tanto per la pioggia quanto per il sudore che penetrerebbe all interno ed infradicerebbe tutto il contenuto cartaceo.
-al suo interno posso essere alloggiate le batterie di ricambio per la torcia schermata che si ha al collo.
Immagine

-c'è chi vincola alla cintura dei pantaloni la pinza multiuso. la tratterò nel dettaglio quando parlerò del gibernaggio.io vi sconsiglio di farlo perchè andrebbe su un fianco o leggermente verso la schiena il che creerebbe una specie di "scalino" nel quale si appoggia o si impiglia il gibernaggio causando non poco stress.

-anche se non è un "accessorio" in una delle tasche superiori della mimetica va un sacchetto di plastica con all'interno qualcosa da sgranocchiare...che dia subito energia e sia piacevole da gustare. personalmente vado al supermercato prendo tante di quelle bustine di arachidi dolci,frutta secca a 99 centesimi l'una e li mischio tutti insieme
Immagine

NB questo cibo non serve a sostituire un pasto ma a dare sempre un senso di benessere fisico e mentale, per questo non parlo di barrette o qualcos'altro di piu sostanzioso. ottime sono anche le caramelle ma attenzioni a non prenderle troppo dolci perchè poi si tende a bere di più per favorire la loro digestione.
-se il percorso è molto impegnativo nella mimetica bisogna alloggiare anche integratori gel a rilascio lento o immediato ma ne parlerò nella parte inerente all' alimentazione.

TUTTI QUESTI PRODOTTI SI POSSONO TROVARE ANCHE ALLA DECATHLON DOVE CI SONO GLI INTEGRATORI ( compresi i mix di cereali)



ORA VI MOSTRO COME ANDREBBE NASCOSTO IL KIT DI SOPRAVVIVENZA DI CUI PARLAVO PRIMA
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Mattia "AnnaMariaFranzoni" o "AMF"
www.lupideldeltaperugia.it
Avatar utente
AnnaMaria Franzoni
TENENTE
TENENTE
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 16/08/2007, 15:25

Re: P.T.T.

Messaggiodi AnnaMaria Franzoni » 03/07/2014, 23:50

LO ZAINO

Premessa: cercherò di adattare il materiale da portarsi dietro in base alle nostre esigenze e cioè il gioco
le linee guida per un giusto affardellamento dello zaino sono

COSA VIENE MESSO NELLO ZAINO? IL MATERIALE CHE SERVE PER ASSOLVERE LA MISSIONE
il necessario è:
1) MATERIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA MISSIONE
2) MATERIALE PER IL MANTENIMENTO FISICO


iniziamo con il materiale PER IL MANTENIMENTO FISICO

-Materiale per costruire il bivacco
-Acqua
-Cibo
-Vestiario e ricambi
-kit medico
-kit pulizia personale
-kit utility

prima cosa,quale zaino è più idoneo per affrontare una 24h? io rispondo dai 45 ai 60 litri non di più,ecco alcuni esempi:

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

quando inserisco il materiale nello zaino devo fare attenzione alle seguenti cose:


-IL PESO DEVE ESSERE BEN DISTRIBUITO
-IL MATERIALE CHE SI CONSUMA COME AD ESEMPIO L'ACQUA DEVE ESSERE ALLOGGIATO SEMPRE AL CENTRO,DIETRO LO SCHIENALE E MAI SUI LATI (ovvio che se lo zaino me lo impone mi adatto ma se lo devo comperare ne cercherò un modello che ha l'apposito inserto per la camelback)
-LO ZAINO DEVE ESSERE COMODO ANCHE CON IL GIBERNAGGIO E ASG INDOSSATI. (questo perchè sempre quando è troppo tardi ci si accorge del gancetto o del fastex che preme contro la clavicola o di qualcosa che da fastidio sulla schiena perchè premuto dal basto.provare il tutto sempre e soprattutto andare in puntamento sia in piedi che in ginocchio)
-IL PESO DEVE GRAVARE DA META' SCHIENA IN SU FINO ALLA NOCE DEL COLLO. (quindi le cose piu pesanti vanno alloggiate nella metà superiore dello zaino e mai in fondo)
-IL MATERIALE PER ASSOLVERE LA MISSIONE DEVE ESSERE SEMPRE COLLOCATO IN ALTO E PRONTO AD ESSERE PRESO IN QUALUNQUE MOMENTO (utilizzo della "shoot and scoot" ovvero uno zainetto o una borsa nello zaino piu grande)

quando indosso lo zaino:


-sfruttare il più possibile il nastro pettorale perchè sgrava un po di peso dalle spalle e lo convoglia verso il petto,lasciando passare più sangue alle braccia
-sfruttare il più possibile la fascia lombare ben stretta per far aderire al massimo lo schienale dello zaino (gibernaggio permettendo)
-fare attenzione al modo in cui lo sollevo e me lo metto in spalla (evitare di tirare solo dagli spallacci)

VEDIAMO L'AFFARDELLAMENTO:

-MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DEL BIVACCO
1) RIPARO
-5 ragni elastici VERDI
-2 teli poncho ( per la realizzazione della tendina con poncho) dimostrazione pratica sul campo
-FUNICELLE
-PICCHETTI ALLUMINIO ULTRALEGGERI
NOTA TECNICA:
Gli elastici consentono di fissare il poncho in maniera rapida, ma le funicelle con picchetti sono indispensabili quando gli appigli sono molto diradati. Lo stesso per i poncho:
Quello inglese (classico basha) privo di cappuccio è molto leggero e più ampio e trova la sua collocazione come “tetto”
Quello americano con cappuccio è più resistente e quindi diventerà il “pavimento”.
2) RIPOSO
-coprisacco in goretex (FONDAMENTALE)
consiglio quello inglese issued british army per confort e capienza:
Immagine
-sacco a pelo (a seconda delle stagioni, estivo/invernale)
-stuoino USA,TEDESCO O AUTOGONFIABILE ( consiglio per versatilità,ingombro e leggerezza quello tedesco)
Immagine

-ACQUA
-camelback minimo da 3 litri
-borracce morbide tipo USA/ taniche da 2lt verdi
-termos (periodo invernale)

NOTA TECNICA:
.per quanto riguarda le camelback: usate solo la vescica principale senza il suo zainetto e cercate di renderla piu robusta usando del nastro telato a protezione.applicatelo quando è piena. se c'è la necessità sostituite il tubo di gomma con uno più lungo e di sicuro più resistente che si può trovare in qualsiasi ferramenta.
-le borracce morbide o le taniche da 2lt verdi offrono un comodo modo di trasporto per un maggiore quantitativo d'acqua.se optate per la classica borraccia USA da 2lt di PRO ha che una volta esaurita l'acqua può essere schiacciata e non produce ingombro ma meno resistente,stesso discorso della camelback,irrobustire con nastro telato quando piena. se si utilizza la tanica da esattamente il problema opposto,più resistente ma meno pratica ecco degli esempi:
Immagine
Immagine
i termos diventano utili nel periodo invernale perchè mantengono in caldo i liquidi non tanto quelli con cui si parte all'inizio della missione ma posso far bollire un tè durante una pausa e versarlo all'interno mantenendo sempre nel mio equipaggiamento una bevanda calda.

-DEVO SEMPRE BERE USANDO L'ACQUA CHE HO NELLO ZAINO E MAI QUELLA DEL GIBERNAGGIO CHE DEVO FINGERE NON ESISTA.
-OGNI VOLTA CHE SI PRESENTA L'OCCASIONE RABBOCCARE L'ACQUA NELLO ZAINO (es: fontanelle,pozzi artesiani ecc)

QUANTA NE PORTO? SOGGETTIVO, LA REGOLA GENERICA E' 4 LT PER 24 ORE + 2 lt OGNI GIORNO DI MISSIONE (esclusa ovviamete l'acqua del gibernaggio)

-CIBO
(anche in questo caso la qualità e la quantità sono soggettive) considerare:
- IL CLIMA,quindi: pasti caldi d'inverno (1 obbligatorio tutto l'anno a prescindere dal caldo) e qualcosa di "fresco" l'estate,nel senso che non stimola di molto la mia sete (es x 24 ore nel periodo estivo : piadine con philadelfia e fesa di tacchino). non serve spendere nell'MRE, in 24 ore posso permettermi tranquillamente la conservazione dei panini o simili
-COEFFICIENTE ENERGETICO ( meglio portare qualcosa in più che in meno e considerare il giusto apporto di proteine,carboidrati,zuccheri e digeribilità)
-QUALCOSA DI PIACEVOLE (è inutile fare il fico con chissà quale alimento all'avanguardia da spedizione ultraleofilizzato se poi non lo strozzo, portare invece insieme ai viveri qualcosa che tiri su il morale come caffè,thè barrette della mia marca preferita,cioccolata etc,facendo sempre riferimento al clima e quindi alla conservabilità)
-PORTARE SEMPRE CIBO CHE POSSO USARE PER REINTEGRARE QUELLO DELLA MIMETICA. come detto in precedenza nella mimetica è presente sempre qualcosa da sgranocchiare per continuare a fornire energia durante il movimento, è necessario quindi reintegrare con pacchetti preparati ad ok alloggiati nello zaino. anzichè portare solo arachidi dolci è consigliato variare nell'alimentazione anche per un fatto di benessere. es: parto con gli arachidi,poi sostituisco con pezzetti di cioccolata con uvetta,poi se lo sforzo diventa più intenso uso carbo-gel o miele sport e cosi via.


PER CUCINARE IL CIBO:

-fornellino a gas
Immagine
-fornellino ad alcol
Immagine
-fornellino gel
Immagine
-meta (tipo diavolina)
Immagine

tra questi tipi restringo il cerchio per versatilità ed efficienza al fornellino a GAS o a GEL perchè quello ad alcol dura pochissimo e risente troppo dei climi rigidi mentre la metà è troppo ingombrante e puzza molto quando accesa

-FORNELLI A GAS:

PRO, possono essere usati tutto l'anno,hanno la regolazione della fiamma,posso disconnettere e cambiare la bomboletta,durata superiore
CONTRO, se non si vuole investire sono più pesanti del fornellino a gel,inutilizzabili in quota

FORNELLINI A GEL

PRO, leggeri,facili da usare,posso vedere quando sta per finire il gel e quindi sostituire il fornellino,usa e getta
efficace anche in alta quota,ottimo come fornellino d'emergenza da alloggiare nel gibernaggio (non è il nostro caso)
CONTRO la fiamma è alta e molto visibile,l'estate il gel evapora,conservazione fuori attività difficoltosa, dura meno del gas,nel tempo l'acquisto di fornellini diventa una spesa che supera quello del fornellino con le bombole

CONSIGLIO:
fornellino a GAS per lo zaino. ma non quello della decathol. uno d'alta quota leggerissimo. ecco un esempio:
Immagine

nessun problema se il riscaldatore è gia compreso nella razione acquistata ( IL CASO DELLE MRE)
Immagine

LA REGOLA PER IL CALCOLO DEL FABBISOGNO GIORNALIERO DI CARBOIDRATI E':

peso : carboidrati = 100 : X

peso: il proprio
carboidrati: calcolo dei carboidrati che sto ingurgitando ad ogni pasto (scritta sulla confezione in valori riferiti a 100gr)
100: valore costante
x: percentuale di fabbisogno


-VESTIARIO E RICAMBI
usando i consigli forniti in precedenza le quantità sono
-1 t-shirt di ricambio
-1 paio di mutande
-3 paia di calze ( mai fare economia sulle calze)
-1 Pile o maglia pesante (consiglio PILE per leggerezza,potere termico e versatilità)
-1 giacca in goretex o capo termico (snugpack,in piuma d'oca e non sintetico)
-opzionale panta-goretex

NOTE TECNICHE
poichè conosco sempre il clima di gioco e le condimeteo che incontrerò la scelta tra la giacca in goretex o il capo termico sarà più facile esempio:
sò che pioverà ed è inverno,temperatura minima -8/-10 gradi
porto sia il goretex che il capo termico perchè da solo il goretex non riscalda e da solo il capo termico si infradicerebbe in più aggiungo il panta-goretex che posso indossare anche per camminare in mezzo alla vegetazione fradicia. (ovviamente il discorso è sempre riferito alle soste lunghe perchè per le brevi il goretex che non lascia passare il vento e tiene un minimo la temperatura se me lo butto sulle spalle e resterò ugualmente accaldato quando riprenderò a muovermi)

sò che non piove ma è freddo,porto il capo termico e pantagoretex,se dovesse piovere sono sempre 24 ore e di sicuro non muoio. tenere presente che ho sempre l'antipioggia nel gibernaggio (del quale ancora non ho parlato)

sò che fa caldo ma non so le condimeteo: porto solo il goretex sufficiente da usare sia come capo termico sia come antipioggia. da considerare il fatto che quando piove l'estate metto una giacca di sicuro sudo,quindi evitare di usarla se non strettamente necessario.

GORETEX BRITISH ARMY CONSIGLIATO PER QUALITA' ,LEGGEREZZA ED ECONOMICITA'
Immagine
VARIANTE: GORETEX USA (piu caldo di quello inglese ma molto più caro più pesante e piu ingombrante
Immagine
SNUGPAK ORIGINALE SLEEKA
Immagine
SOFTIE
Immagine


-KIT MEDICO

il kit medico è un aspetto da non sottovalutare perchè può fare la differenza e serve al mantenimento in condizioni di crisi/stress da malessere della capacità operativa, deduciamo quindi che all'interno, alloggeremo materiale che riteniamo più opportuno per contrastare ogni possibile evenienza.faccio alcuni esempi:

- COMPEED di varie misure a seconda della parte del piede interessata (parliamo di vesciche)
-NASTRO CEROTTO più versatile dei classici cerottini e può serirvire per formare strati aggiuntivi attorno alle dita dei piedi
-SALVIETTE DISINFETTANTI
-PICCOLI LEMBI DI GARZA STERILE
-ASPIRINA
-TACHIPIRINA 1000
-DISSENTEN O IMODIUM CONTRO LA DIARREA (non solo il cibo la provoca ma anche forti sforzi prolungati)
-ANTI-INFIAMMATORIO (voltaren in compresse + muscoril)
-OKI in bustine gel
-PASTIGLIE PER LA GOLA

il tutto consiglio di custodirlo in un astuccio trasparente ed impermeabile. tempo fa mi comprai questo specifico borsello molto comodo e pratico.quasi tutto quello che era all'interno è stato gettato perchè troppo inutile e reintegrato con cose più funzionali

Immagine

-KIT DI PULIZIA PERSONALE

in questo kit alloggiamo tutto quello che ci può servire per darsi una pulita e per wc
- 2 PACCHETTI DI FAZZOLETTINI
- 1 PACCHETTO DI SALVIETTINE UMIDIFICATE INTIME DA 20 PZ
- SPAZZOLINO CON DENTIFRICIO DA VIAGGIO
- TALCO PER I PIEDI
- CREMA CONTRO LE IRRITAZIONI DA SFREGAMENTO (bepantenol,pasta fissan,vasellina) IN CONFEZIONE PICCOLA
- 1 PAIO DI CALZINI (per un cambio calze al volo)

-KIT UTILITY

nel kit utility alloggiamo oggetti che possono avere mille utilizzi e ci possono facilitare la vita
- 30 MT DI PARACORD (originale)
- NASTRO ISOLANTE
- NASTRO TELATO ALMENO 15 MT (non portare il nastro telato intero ma avvolgerne una parte attorno ad un tubetto in modo da portare addosso meno peso)
-2 SACCHI NERI GRANDI PER USO ESTERNO
-FILO DI FERRO
anche questa parte è soggettiva in base alla propria esperienza


passiamo ai MATERIALI PER L'ASSOLVIMENTO DELLA MISSIONE/GIOCO:

dopo un attento studio della missione in tutti i suoi frangenti i giocatori si dividono gli incarichi ed in base a quelli il materiale per l'assolvimento del compito. in altre parole ognuno porta qualcosa di specifico già pianificato. lavorando con nuclei da 4 vediamo il materiale che secondo me è indispensabile per una giocata STILE RECON

-FOTOCAMERA O MACCHINA FOTOGRAFICA (con batterie di riserva)
-GHILLIE SUIT (parte superiore solamente. a questa dedicherò una spiegazione specifica su come fabbricarsela da soli) TUTTI
-ASG DI RISERVA (pronto all'uso)
-CARICATORI GIA PIENI IN PIU (se ammessi)
-KIT MEDICO DI SQUADRA (farò una lezione a parte)
-STRUMENTI PER L'OSSERVAZIONE (spot and scope,binocoli,telemetri etc)
-APPARATI PER LA VISIONE NOTTURNA
-KIT RIPARAZIONE ASG, DI SQUADRA
-VARIE (elementi venuti fuori dalla pianificazione)

dato lo zaino da 45 o 60 lt il materiale suddetto non andrà alloggiato in un altro zainetto tattico (la shoot and scoot) pronto all'uso ma semplicemente nella parte superiore dello zaino pronto ad essere preso ed utilizzato.se la giocata fosse stata più lunga il ragionamento da fare sarebbe stato totalmente diverso. dato che è un gioco non ha senso portarsi dietro il kit del pronto soccorso durante un assalto all'obj,se qualcuno si fa male si torna a prendere nel luogo dove si sono lasciati gli zaini ,si prestano le prime cure e festa finita.

TUTTO IL MATERIALE DEVE ESSERE STAGNATO SINGOLARMENTE IN BUSTINE CUKI O IN APPOSITI SACCHI STAGNI DI VARIE MISURE IN VENDITA IN OGNI NEGOZIO DI ARTICOLI MILITARI.
-PROVVEDERE ANCHE ALL'ACQUISTO DI UN COPRI ZAINO
ecco a cosa mi sto riferendo
Immagine
Immagine
Mattia "AnnaMariaFranzoni" o "AMF"
www.lupideldeltaperugia.it
Avatar utente
AnnaMaria Franzoni
TENENTE
TENENTE
 
Messaggi: 752
Iscritto il: 16/08/2007, 15:25


Torna a RECCE ZONE

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron